Contact us Acquisto Rapido

Boards

Arduino Board

 

Come sono fatte le schede Arduino?

Le schede Arduino sono moltissime, fare quindi un'analisi generale risulta impossibile. A titolo esemplificativo prendiamo come riferimento la scheda Arduino UNO rappresentata qui sotto.

Integrazione NAO e Arduino

Ogni scheda Arduino per funzionare deve essere alimentata, quindi è possibile collegarla tramite USB (1) al PC o ad una presa a muro (da 6 o 12 Volt al massimo) che termina con un jack Barrel (2). Tramite il collegamento USB si carica anche il codice nella scheda Arduino. I connettori tramite il quale si collegano i fili per costruire un circuito si chiamano “pin”, solitamente sono in plastica e permettono il collegamento di un singolo filo. Le schede Arduino dispongono di diversi tipi di pin ognuno dei quali è indicato sul bordo interno della scheda.

pins 3.3V (3) e 5V (4) forniscono come indicato dalla nomenclatura rispettivamente 3.3 e 5 Volt (ovvero le tensioni utilizzate dalla maggior parte dei componenti semplici che si utilizzano con le schede Arduino). L’abbreviativo GND (5) invece sta per Ground (o terra, negativo, massa) e ogni pin contrassegnato da questa sigla può essere utilizzato per mettere a terra il circuito. I pin sotto la dicitura “Analog In”, da A0 sino ad A5 (6), sonoingressi analogici, possono quindi leggere un segnale da un sensore analogico (es.: sensore di temperatura) e convertirlo in un valore digitale.  Al contrario i pin sotto l’etichetta Digital (PWM ~) sono pin digitali (7), possono essere utilizzati sia come ingresso digitale sia come uscita digitale. La tilde (~) che si può notare accanto ad alcuni pin (3, 5, 6, 9, 10 e 11) sta ad indicare tali uscite come segnali Pulse-Width Modulation (PWM). Il pin contrassegnato dalla sigla AREF (8) (acronimo di riferimento analogico) ha la funzione di impostare una tensione di riferimento esterna (massimo 5V) come limite per i pin di ingresso analogici. La scheda Arduino ha poi un pulsante di ripristino (9) che una volta premuto collega temporaneamente il pin di reset a terra e sarà dunque possibile riavviare l’esecuzione di qualsiasi codice caricato in Arduino. Il LED accanto alla parola ON (9) si accende ogni qual volta si collega Arduino ad una fonte di alimentazione. Il LED spento quando la scheda è collegata all’alimentazione sta ad indicare con ogni probabilità un problema. I LED TX (11) (trasmissione) e RX (11) (ricezione) si attivano nel momento in cui la scheda Arduino sta trasmettendo o ricevendo dati. Infine il componente in plastica nera posto sotto il tasto Reset è un IC (12), ovvero il cervello di Arduino. L’IC principale sulle schede Arduino è della linea Atmega, della società ATMEL.  Sapere il tipo di IC che si sta utilizzando risulta essere fondamentale in quanto nel momento della programmazione si deve scegliere il tipo di processore prima di inviare il codice in precedenza scritto alla scheda Arduino.

Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4

Articoli da 1 a 12 di 39 in totale

Imposta Ordine Discendente
  • Breadboard 400 contatti

    Breadboard 400 contatti

    306174

    € 2,50
  • Arduino Uno Rev3

    Arduino Uno Rev3

    292651

    € 20,00
  • Arduino Uno SMD Rev3

    Arduino Uno SMD Rev3

    292657

    € 19,00
  • Arduino Mega2560 Rev3

    Arduino Mega2560 Rev3

    292652

    € 35,00
  • Arduino ADK Rev3

    Arduino ADK Rev3

    292654

    € 43,00
  • Arduino Leonardo

    Arduino Leonardo

    292643

    € 16,00
  • Arduino Leonardo

    Arduino Leonardo

    292645

    € 18,00
  • Arduino Esplora

    Arduino Esplora

    297159

    € 39,90
  • Arduino Fio

    Arduino Fio

    303273

    € 26,00
  • Arduino Mini 05

    Arduino Mini 05

    292669

    € 14,00
  • Arduino DUE

    Arduino DUE

    295154

    € 34,00
  • Intel® Galileo Board GEN 2

    Intel® Galileo Board GEN 2

    302967

    € 57,70
Pagina:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4

Articoli da 1 a 12 di 39 in totale

Imposta Ordine Discendente
Contatti
Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter e riceverai le nostre offerte esclusive: