Dispersione scolastica e politiche per il successo formativo
18,00 € Iva inclusa
ERICKSON

Dispersione scolastica e politiche per il successo formativo

ERICKSON
Dispersione scolastica e politiche per il successo formativo
Dispersione scolastica e politiche per il successo formativo
SKU: 280193

Descrizione

La prevenzione dell’insuccesso formativo e dell’abbandono degli studi costituisce un obiettivo di primaria importanza per tutti i Paesi membri dell’Unione europea alla luce dei nuovi obiettivi della Strategia di Lisbona 2020. L’Italia, pur avendo fatto negli ultimi anni discreti passi avanti, si colloca tra i Paesi ancora lontani dal target del 10% massimo di early school leaver, cioè di ragazzi che non raggiungono il diploma di istruzione superiore o di qualificazione professionale prima di entrare nel mondo del lavoro. Prima di stabilire strategie adeguate, occorre chiarire la natura delle cause che portano alla dispersione scolastica oggi. La ricerca qui contenuta dimostra, mediante un approccio qualitativo, che oltre alle cause dirette dell’abbandono (collocate nella scelta errata della scuola), vi sono cause remote (in cui è protagonista la famiglia dell’allievo) e cause nascoste (il cosiddetto sogno lavoristico che riguarda i giovani attratti da una domanda lavorativa di bassa qualificazione). Occorre innovare le politiche locali, le uniche in grado di far leva sulle cause reali, remote e nascoste dell’abbandono, coinvolgendo alla pari i terminali del processo di abbandono: scuole, famiglie, imprese.
L’opera si rivolge a un pubblico di insegnanti, tutor, referenti per l’orientamento, amministratori locali, progettisti di formazione interessati alla messa in pratica di tale nuovo approccio locale alle politiche del successo formativo.
18,00 €
Iva inclusa
Su ordinazione

Descrizione

La prevenzione dell’insuccesso formativo e dell’abbandono degli studi costituisce un obiettivo di primaria importanza per tutti i Paesi membri dell’Unione europea alla luce dei nuovi obiettivi della Strategia di Lisbona 2020. L’Italia, pur avendo fatto negli ultimi anni discreti passi avanti, si colloca tra i Paesi ancora lontani dal target del 10% massimo di early school leaver, cioè di ragazzi che non raggiungono il diploma di istruzione superiore o di qualificazione professionale prima di entrare nel mondo del lavoro. Prima di stabilire strategie adeguate, occorre chiarire la natura delle cause che portano alla dispersione scolastica oggi. La ricerca qui contenuta dimostra, mediante un approccio qualitativo, che oltre alle cause dirette dell’abbandono (collocate nella scelta errata della scuola), vi sono cause remote (in cui è protagonista la famiglia dell’allievo) e cause nascoste (il cosiddetto sogno lavoristico che riguarda i giovani attratti da una domanda lavorativa di bassa qualificazione). Occorre innovare le politiche locali, le uniche in grado di far leva sulle cause reali, remote e nascoste dell’abbandono, coinvolgendo alla pari i terminali del processo di abbandono: scuole, famiglie, imprese.
L’opera si rivolge a un pubblico di insegnanti, tutor, referenti per l’orientamento, amministratori locali, progettisti di formazione interessati alla messa in pratica di tale nuovo approccio locale alle politiche del successo formativo.

Recensioni

Hai comprato questo prodotto? Fai sapere agli altri cosa ne pensi.
Valuta